LE MATERIE DEL MASTER – anno 2022

Materie del Master (126 ore tot. per Psicologi, 102 ore tot. per Esperti)

Ognuno dei seguenti temi è correlato agli altri. In linea di massima, l’ordine di elencazione è quello con cui ne è presentata la trattazione più esplicativa. In seguito, possono essere ampliati e collegati ai nuovi argomenti oggetto della didattica. Alcune tecniche sono eseguite “learning by doing”, prima del loro approfondimento teorico.

  • L’evoluzione filogenetica e le basi biologiche del comportamento sportivo.
  • Approccio olistico, neuroscienze, psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI) e sport.
  • Determinismo genetico, ambientale e personale.
  • Epigenetica: l’esempio dello sviluppo muscolare.
  • Stress, eustress, distress, sindrome generale di adattamento, coping o fronteggiamento.
  • Arousal o livello di attivazione generale, legge della U capovolta e livelli della prestazione.
  • Tecniche di rilassamento e modulazione del livello di attivazione generale: “mind to muscle” e “muscle to mind”.
  • La legge ideomotoria.
  • I neuroni specchio.
  • Imagery e suggestione: visualizzazione, immaginazione e ipnosi.
  • Rapporto e differenze dei ruoli ottimizzanti del Mental Trainer e del Mental Coach.
  • La Mindfulness: un upgrade della consapevolezza corporea, sensoriale ed esistenziale.
  • I sedici canali sensoriali.
  • I sensi della cenestesi e della nocicezione: tecniche mentali per il benessere e per il controllo e la riduzione del dolore.
  • I questionari: come usare o costruire strumenti conoscitivi per comprendere e aiutare l’atleta.
  • Dal mito di Edipo al mito di Narciso: correlati pratici con lo sport negli ultimi ottant’anni.
  • Articolo 21 del codice deontologico: interpretabilità e implicazioni (nozioni per tutti, con approfondimenti solo per Psicologi).
  • DSM-5 ICD-11 e altri strumenti diagnostici in ambito psicopatologico: aspetti inerenti lo sport (nozioni per tutti, con approfondimenti solo per Psicologi).
  • Rapporto tra Mental Coaching, Psicologia Clinica e Psicoterapia (nozioni per tutti, con approfondimenti solo per Psicologi).
  • Il test CBA per la valutazione cognitivo comportamentale (solo per Psicologi).
  • Lateralizzazione e schema corporeo.
  • Emozioni primarie, secondarie ed emotional profile.
  • Intelligenza emotiva: consapevolezza e gestione delle emozioni. Gli esempi dell’ansia e della rabbia.
  • Ciclo di pensiero/emozione e azioni agite o subite: circolo vizioso e circolo virtuoso.
  • Self dialogue, self talk e rehearsal.
  • Mental Coaching dall’Età Evolutiva alla Terza Età: da un sano sviluppo al mantenimento del piacere esistenziale.
  • Etica, fair play, sport, Psicologia Positiva, telomeri e aspettativa di vita.
  • Rapporti con i genitori dei giovani atleti, Parent Training e Parent Coaching.
  • Correlati sanitari, psicologici, sociali e storici delle emergenze planetarie dal XX secolo: l’importanza dello sport nei processi di resilienza.
  • La Psicologia dello Sport nel lavoro e nelle organizzazioni: Stress Management e resilienza.
  • Trasferte, Jet Lag e correlati della sfera emozionale.
  • Open skills e closed skills: PDCA (Plan Do Check Act) e Five Step Strategy.
  • Correlazioni dei vari argomenti trattati con gli sport paraolimpici.
  • Quale sport per quale diversabile e quale diversabile per quale sport.
  • Inclusione sportiva a livello sociale, razziale e della diversabilità.
  • Strategie motivazionali, confort zone e flow.
  • Autoefficacia, incremento della prestazione e flow.
  • Dai limiti dell’antifragilità agli orizzonti della resilienza.
  • Strategie di focalizzazione e improvement di attenzione e concentrazione.
  • Goal Setting: le varie tipologie di obiettivi e le strategie per raggiungerli.
  • Alimentazione, integratori, doping e performance psicofisica.
  • Locus of control, limiti dei rituali e utilità delle routine.
  • Stili e ottimizzazione della leadership.
  • Analisi del gruppo sportivo, t-group, team building, ice breaking, indoor e outdoor training, Hug Therapy.
  • Coaching per l’eccellenza, problem solving, self brain storming e brain storming di gruppo.
  • Role playing: i giochi di ruolo per la crescita dell’atleta e della squadra.
  • L’esercizio fisico e metodiche di allenamento: interfacce tra Fisiologia, Medicina e Psicologia dello Sport.
  • Overtraining o superallenamento.
  • Traumatologia e sport: interfacce di Anatomopatologia, Medicina e Psicologia dello Sport.
  • Accident proneness: prevenzione, cause e riabilitazione.
  • I social, il futuro e le nuove possibili frontiere degli sport olimpici: il dibattito sugli esports.

Tecniche ed esercizi pratici

  • Uso di questionari.
  • Organizzazione e stesura dei piani per i project works personali.
  • Tecniche di Mindfulness:
    • controllo del pensiero e delle emozioni;
    • il “qui e ora”; consapevolezza corporea;
    • livelli di consapevolezza del respiro;
    • respiro energetico;
    • consapevolezza e discriminazione uditiva figura/sfondo;
    • consapevolezza del gesto quotidiano; mindfulness eating;
    • modulazione delle tecniche per soggetti e sportivi in età evolutiva, età adulta, terza età e per diversabili.
  • Tecniche di ancoraggio.
  • Esercizi di self dialogue e di self talk:
    • analisi dei contenuti;
    • trasformazione delle modalità controproducenti in versioni performanti.
  • Tecniche carta e penna:
    • dal “circolo vizioso” al “circolo virtuoso” intrapersonale;
    • dal “circolo vizioso” al “circolo virtuoso” interpersonale.
  • Tecniche di rilassamento:
    • rilassamento distrattivo attraverso il respiro vagotonico;
    • respiro ipossico distrattivo negli stati di panico;
    • Rilassamento Frazionato di Vogt;
    • Rilassamento Progressivo di Jacobson: versione “muscle to mind” e versione immaginativa;
    • adeguamento delle tecniche di rilassamento differenziate per età.
  • Esercizi di controllo emozionale.
  • Esercizi di visualizzazione: l’evocazione di immagini reali.
  • Esercizi e percorsi immaginativi per il flow, la costruzione del “luogo sicuro”, il rinforzo di autostima, autoefficacia, il supporto all’allenamento, all’analgesia, alla riabilitazione e alla fisioterapia.
  • Casi clinici (solo per Psicologi e Dottori in Tecniche Psicologiche).
  • Durante i pasti conviviali, nelle giornate di full immersion: tecniche di indoor o outdoor training e “un’ora con …”: intervista con Atleti, Esperti e Psicologi che praticano la Psicologia dello Sport.
  • Ice breaking activity.
  • Esercizi di role playing.
  • Problem solving e brain storming.
  • Five step strategy: convenzionale e immaginativa (fondamenti per tutti con approfondimento solo per Psicologi e Dottori in Tecniche Psicologiche).
  • Coniugazione in ambito psichiatrico delle tecniche apprese (solo per Psicologi e Dottori in Tecniche Psicologiche).
  • Questionari intermedi e questionario conclusivo.

POTENZIA L’ALLENAMENTO FISICO CON L’ALLENAMENTO MENTALE

IMPARA NUOVE TECNICHE

PER UNA PERFORMANCE VERSO IL FLOW

MASTER IN PSICOLOGIA DELLO SPORT E DELLE ATTIVITÀ MOTORIE

UNISCITI A NOI

ISCRIVITI ORA