LE MATERIE DEL MASTER – anno 2022

Materie del Master (126 ore tot. per Psicologi, 102 ore tot. per Esperti)

Ognuno dei seguenti temi è correlato agli altri. In linea di massima, l’ordine di elencazione è quello con cui ne è presentata la trattazione più esplicativa. In seguito, possono essere ampliati e collegati ai nuovi argomenti oggetto della didattica. Alcune tecniche sono eseguite “learning by doing”, prima del loro approfondimento teorico.

  • L’evoluzione filogenetica e le basi biologiche del comportamento sportivo.
  • Approccio olistico, neuroscienze, psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI) e sport.
  • Determinismo genetico, ambientale e personale.
  • Epigenetica: l’esempio dello sviluppo muscolare.
  • Stress, eustress, distress, sindrome generale di adattamento, coping o fronteggiamento.
  • Arousal o livello di attivazione generale, legge della U capovolta e livelli della prestazione.
  • Tecniche di rilassamento e modulazione del livello di attivazione generale: “mind to muscle” e “muscle to mind”.
  • La legge ideomotoria.
  • I neuroni specchio.
  • Imagery e suggestione: visualizzazione, immaginazione e ipnosi.
  • Rapporto e differenze dei ruoli ottimizzanti del Mental Trainer e del Mental Coach.
  • La Mindfulness: un upgrade della consapevolezza corporea, sensoriale ed esistenziale.
  • I sedici canali sensoriali.
  • I sensi della cenestesi e della nocicezione: tecniche mentali per il benessere e per il controllo e la riduzione del dolore.
  • I questionari: come usare o costruire strumenti conoscitivi per comprendere e aiutare l’atleta.
  • Dal mito di Edipo al mito di Narciso: correlati pratici con lo sport negli ultimi ottant’anni.
  • Articolo 21 del codice deontologico: interpretabilità e implicazioni (nozioni per tutti, con approfondimenti solo per Psicologi).
  • DSM-5 ICD-11 e altri strumenti diagnostici in ambito psicopatologico: aspetti inerenti lo sport (nozioni per tutti, con approfondimenti solo per Psicologi).
  • Rapporto tra Mental Coaching, Psicologia Clinica e Psicoterapia (nozioni per tutti, con approfondimenti solo per Psicologi).
  • Il test CBA per la valutazione cognitivo comportamentale (solo per Psicologi).
  • Lateralizzazione e schema corporeo.
  • Emozioni primarie, secondarie ed emotional profile.
  • Intelligenza emotiva: consapevolezza e gestione delle emozioni. Gli esempi dell’ansia e della rabbia.
  • Ciclo di pensiero/emozione e azioni agite o subite: circolo vizioso e circolo virtuoso.
  • Self dialogue, self talk e rehearsal.
  • Mental Coaching dall’Età Evolutiva alla Terza Età: da un sano sviluppo al mantenimento del piacere esistenziale.
  • Etica, fair play, sport, Psicologia Positiva, telomeri e aspettativa di vita.
  • Rapporti con i genitori dei giovani atleti, Parent Training e Parent Coaching.
  • Correlati sanitari, psicologici, sociali e storici delle emergenze planetarie dal XX secolo: l’importanza dello sport nei processi di resilienza.
  • La Psicologia dello Sport nel lavoro e nelle organizzazioni: Stress Management e resilienza.
  • Trasferte, Jet Lag e correlati della sfera emozionale.
  • Open skills e closed skills: PDCA (Plan Do Check Act) e Five Step Strategy.
  • Correlazioni dei vari argomenti trattati con gli sport paraolimpici.
  • Quale sport per quale diversabile e quale diversabile per quale sport.
  • Inclusione sportiva a livello sociale, razziale e della diversabilità.
  • Strategie motivazionali, confort zone e flow.
  • Autoefficacia, incremento della prestazione e flow.
  • Dai limiti dell’antifragilità agli orizzonti della resilienza.
  • Strategie di focalizzazione e improvement di attenzione e concentrazione.
  • Goal Setting: le varie tipologie di obiettivi e le strategie per raggiungerli.
  • Alimentazione, integratori, doping e performance psicofisica.
  • Locus of control, limiti dei rituali e utilità delle routine.
  • Stili e ottimizzazione della leadership.
  • Analisi del gruppo sportivo, t-group, team building, ice breaking, indoor e outdoor training, Hug Therapy.
  • Coaching per l’eccellenza, problem solving, self brain storming e brain storming di gruppo.
  • Role playing: i giochi di ruolo per la crescita dell’atleta e della squadra.
  • L’esercizio fisico e metodiche di allenamento: interfacce tra Fisiologia, Medicina e Psicologia dello Sport.
  • Overtraining o superallenamento.
  • Traumatologia e sport: interfacce di Anatomopatologia, Medicina e Psicologia dello Sport.
  • Accident proneness: prevenzione, cause e riabilitazione.
  • I social, il futuro e le nuove possibili frontiere degli sport olimpici: il dibattito sugli esports.

Tecniche ed esercizi pratici

Ognuno dei seguenti temi è correlato agli altri. In linea di massima, l’ordine di elencazione è quello con cui ne è presentata la trattazione più esplicativa. In seguito, possono essere ampliati e collegati ai nuovi argomenti oggetto della didattica. Alcune tecniche sono eseguite “learning by doing”, prima del loro approfondimento teorico.

  • Uso di questionari.
  • Organizzazione e stesura dei piani per i project works personali.
  • Tecniche di Mindfulness:
    • controllo del pensiero e delle emozioni;
    • il “qui e ora”;
    • consapevolezza corporea;
    • livelli di consapevolezza del respiro;
    • respiro energetico;
    • consapevolezza e discriminazione uditiva figura/sfondo;
    • consapevolezza del gesto quotidiano;
    • mindfulness eating;
    • modulazione delle tecniche per soggetti e sportivi in età evolutiva, età adulta e terza età.
  • Esercizi di self dialogue e di self talk:
    • analisi dei contenuti;
    • trasformazione delle modalità controproducenti in versioni performanti.
  • Tecniche carta e penna:
    • dal “circolo vizioso” al “circolo virtuoso” intrapersonale;
    • dal “circolo vizioso” al “circolo virtuoso” interpersonale.
  • Tecniche di rilassamento:
    • rilassamento distrattivo attraverso il respiro vagotonico;
    • respiro ipossico distrattivo negli stati di panico;
    • Rilassamento Frazionato di Vogt;
    • Rilassamento Progressivo di Jacobson: versione “muscle to mind” e versione immaginativa;
    • adeguamento delle tecniche di rilassamento differenziate per età.
  • Tecniche di ancoraggio.
  • Esercizi di controllo emozionale.
  • Esercizi di visualizzazione: l’evocazione di immagini reali.
  • Esercizi e percorsi immaginativi, ad esempio:
    • “La ninfea”;
    • “Io nel flow”;
    • costruzione de “ll luogo sicuro”;
    • supporto all’allenamento;
    • supporto all’analgesia;
    • supporto alla riabilitazione e alla fisioterapia;
    • rinforzo di autostima e autoefficacia.
  • Caso clinico (solo per Psicologi).
  • Durante i pasti conviviali, nelle giornate di full immersion: tecniche di indoor o outdoor training e “un’ora con…”: intervista con Atleti, Esperti e Psicologi che praticano la Psicologia dello Sport.
  • Ice breaking activity.
  • Esercizi di Role Playing.
  • Five step strategy: convenzionale e immaginativa.
  • Problem solving e brain storming.
  • Questionari intermedi e questionario conclusivo.

Modulo Specialistico Pratico (20 ore tot.)

  • 4 tecniche (e altro) di Mindfulness applicate allo sport (5 ore);
  • 4 tecniche (e altro) di Gestalt applicate allo sport (5 ore);
  • 4 tecniche (e altro) di PNL applicate allo sport (5 ore);
  • 4 tecniche (e altro) di Tao applicate allo sport, al lavoro, alla vita (5 ore).

I NOSTRI DOCENTI

MARCO SAMMARCO
MARCO SAMMARCO
Psicologo Psicoterapeuta, Psicologo dello Sport,
Presidente Regionale Puglia e Basilicata SPOPSAM, già Esercitatore Didattico all’Università “La Sapienza” di Roma, già Docente Istituto per lo Studio delle Psicoterapie di Roma, Responsabile del Servizio di Psicologia dello Sport del Centro di Medicina dello Sport di Taranto.
DIEGO POLANI
DIEGO POLANI
Psicologo Psicoterapeuta, Psicologo dello Sport, Psicologo del Lavoro, Psicologo dell’Emergenza, docente di Psicologia dello Sport presso l’Università di Firenze, Presidente Nazionale SPOPSAM, Psicologo Federazione Italiana Nuoto, consulente Giunti Psychometrics.
EVA COFANO
EVA COFANO
Psicologa Psicoterapeuta, Psicologa dello Sport, Vicepresidente Regionale Puglia e Basilicata SPOPSAM.
LUIGI SANTILIO
LUIGI SANTILIO
Medico Chirurgo, specializzato in Medicina dello Sport, Presidente AMSD (Associazione Medico Sportiva Dilettantistica) di Taranto, Direttore del Centro di Medicina dello Sport di Taranto affiliato CONI e FMSI, Osteopata.

MASTER IN PSICOLOGIA DELLO SPORT E DELLE ATTIVITÀ MOTORIE

UNISCITI A NOI

ISCRIVITI ORA